Loading...
X

Set a Lucca: Orto Botanico

Set a Lucca, un viaggio attraverso il territorio e i suoi meravigliosi palazzi.

set a lucca: l’orto botanico

Giovani Mariti regala una nitida immagine dell’Orto Botanico, che fu realizzato nel 1820 da Bernardino Orsetti su incarico della duchessa di Lucca, Maria Luisa di Borbone, dando seguito a un progetto mai attuato dalla principessa di Lucca, Elisa Baciocchi, sorella di Napoleone.

L’Orto Botanico viene creato come struttura collaterale della appena istituita Regia Università di Lucca. Il luogo occupa una superficie di circa due ettari inserito fra le mura cinquecentesche, nella zona del baluardo di San Regolo, e gli orti del convento di San Micheletto.

 

set a lucca

 

Il complesso è circondato da alti muri e ha il suo ingresso sulla via del Giardino Botanico, attraverso un monumentale cancello sorretto da due pilastri in pietra grigia sormontati da due leoni in cotto, opera del regio architetto Lorenzo Nottolini.

Nel 1843 venne rappresentata la prima immagine del piano del giardino, redatta da Sinibaldi, in cui sono identificabili la Montagnola, l’Arboreto e il Laghetto, creato dopo il 1860.

Nella Montagnola, che ha mantenuto la sua forma a spirale, sono ospitate le piante montane locali tipiche. Nell’Arboreto si contano oltre duecento specie di alberi fra cui spicca il cedro del Libano, piantato nel 1822.

Nel 1920 la proprietà dell’Orto diviene comunale e si trasforma in un giardino pubblico, inserito nell’ambito del Parco delle Mura Urbane.

Questo Orto, in cui sono custodite specie rare, si inserisce nel contesto degli antichi orti botanici della Toscana tuttora in attività, insieme a quelli di Firenze, Siena e Pisa.

 

 

L’articolo si basa sul contenuto del libro Lucca Effetto Cinema, a cura della Fondazione Banca del Monte di Lucca.