Cinema in versilia
Loading...
X

Cinema In Versilia: Gli Autori (Anni ’60) | Cinema In Pillole

Cinema in Pillole propone una scansione temporale della storia del cinema in Versilia.
Qui troverai i film che hanno scelto il mare toscano come set, con la nascita del cinema d’autore e la commedia in Italia.

Il cinema italiano al suo massimo, con grandi autori come Fellini, Luchino Visconti, Ettore Scola e tanti altri.

L’inizio della carriera di Bellocchio con I Pugni In Tasca (1965). Tutta Europa guardava al nostro paese come una eccellenza nel campo cinematografico, come negare la grandezza di questi autori?

Il cinema in Versilia fu parte del lavoro di alcuni di questi grandi registi. Dino Risi apre le danze con Alberto Sordi in Una Vita Difficile.

cinema in versilia

La Congiuntura – Ettore Scola (1964)

CINEMA IN VERSILIA: I FILM DEGLI ANNI ’60

Una Vita Difficile

Dino Risi – 1961

Dino Risi dirige, Alberto Sordi e Lea Massari eseguono. Sordi interpreta Silvio, un soldato partigiano che combatte per ciò che è giusto.

Quando rischia la vita, arriva Elena a salvarlo e a dargli rifugio. Ben presto sboccerà l’amore tra i due, ma le vicissitudini porteranno Silvio ad affrontare molti dubbi morali, infatti non perderà mai la fede nella giustizia.

Il film si colloca tra le commedie italiane più riuscite di sempre.

 

La Bella di Lodi

Mario Missiroli – 1963

La prima prova da protagonista di Stefania Sandrelli è tratto da un romanzo di Malberto Arbasino.

Il film si ambienta nel boom economico italiano e segue il rapporto tra Roberta e Franco.

Lei altolocata, lui un meccanico, si innamoreranno ma la condizione sociale dei due si metterà tra loro prima di un lieto fine.

 

Mondo Cane n. 2

Gualtiero Jacopetti & Franco Prosperi – 1963

Un film documentario che mette insieme immagini forti da tutto il mondo.

Dal maltrattamento dei cani, a curiosi riti violenti, la povertà, Mondo Cane n. 2 attraversa il mondo per mostrarlo in tutta la sua cruda realtà.

Da questi due capitoli nacque il genere Mondo Movie.

 

Frenesia dell’Estate

Luigi Zampa – 1963

Gli amori balneari – o meglio estivi – si intrecciano in cinque episodi ambientati tra Viareggio e Lucca.

Colui che avvia questa catena di amori è Marcello, uomo distinto che si finge marchese per affascinare una giovane ragazza e far ingelosire la sua fidanzata, con cui ha litigato.

Scritto dalla coppia Age-Scarpelli e Monicelli, il film ebbe un incredibile successo anche grazie ai suoi interpreti, tra cui Vittorio Gassman, Amedeo Nazzari, Philippe Leroy e Sandra Milo.

 

La Costanza della Ragione

Pasquale Festa Campanile – 1964

La prima volta di Catherine Deneuve nelle sale italiane in un film che affronta la formazione etico-politica di un giovane fiorentino tra la fine della guerra e il miracolo economico.

Bruno attraversa alcune esperienze che lo portano dalla ideologia pura di un ragazzo alla visione realista di adulto.

 

La Congiuntura

Ettore Scola – 1964

Vogliamo ricordare Ettore Scola con il suo secondo film, La Congiuntura. In parte girato a Marina di Pietrasanta, la commedia mette insieme un principe romano e una ballerina in un viaggio in Svizzera che coinvolge una valigetta piena di soldi, l’amore e la truffa.

Il film fu un successo al botteghino e furono apprezzati particolarmente la sceneggiatura di Scola, e la bravura di Vittorio Gassman, che nei panni di Giuliano vinse il David di Donatello come Miglior Attore.

 

Agente 077 – Berlino Appuntamento per le Spie

Vittorio Sala – 1965

La trama riprende l’idea del più famoso 007, ma anche in questo film si possono trovare intrighi internazionali e una donna da proteggere.

Paula è la figlia di uno scienziato che affida alla ragazza la sua formula atomica prima di morire.

In piena Guerra Fredda saranno le spie americane, quelle sovietiche e quelle cinesi a dare la caccia a Paula per acquisire la formula segreta.

 

Comizi d’Amore

Pier Paolo Pasolini – 1965

Un documentario scritto e diretto da Pier Paolo Pasolini che crea un ritratto della idea che gli italiani hanno della sessualità e cerca, con l’aiuto di intellettuali, di aiutare a superare alcuni luoghi comuni.

Per il film furono intervistati alcuni personaggi importanti come Ungaretti, Moravia, Musatti, Oriana Fallaci e Camilla Caderna.

 

L’articolo si basa sul contenuto del libro Versilia, Cento Anni di Cinema, a cura della Fondazione Banca del Monte di Lucca.

[Leggi anche: Cinema In Versilia: Il Dopoguerra (Anni ’50) | Cinema In Pillole]

[Leggi anche: Cinema In Versilia: La Comicità (Anni ’70) | Cinema In Pillole]

[Leggi anche: Cinema a Lucca: Gli Autori (Anni ’60) | Cinema In Pillole]