Cenere
Loading...
X

Cinema in Versilia: Le Origini (Anni '20) | Cinema in Pillole

Cinema in Pillole propone una scansione temporale della storia del cinema visit this site in Versilia.
Qui troverai i film che hanno scelto il mare toscano come set, nel primo ventennio del Novecento.

Il cinema nasce nel 1895, quando i fratelli Lumière proiettarono per la prima volta L’uscita dalle Officine Lumière. 

L’inizio del nuovo secolo ha ingranato la quarta e prima dell’arrivo degli anni ’30, a livello mondiale, avevamo già visto accadere cose meravigliose sul grande schermo.

I primi trucchi – oggi sarebbero gli effetti speciali – del francese Méliès, i montaggi di Griffith e, in Italia, la nascita del genere kolossal grazie a Cabiria di Pastrone.

In questo contesto fiorente, il cinema in Versilia fu protagonista di grandi film.

La Settima Arte trovò una casa e una scena artistica molto vivace e accogliente, con alcuni dei nomi più interessanti del panorama nazionale.

maciste all'inferno

Maciste all’Inferno (1925)
di Guido Brignone

Cinema in Versilia: i Film degli anni ’20

L’Isola dei Beati

Max Reinhardt – 1913

Il ‘Maestro del Teatro’, Max Reinhardt, usò la Pineta di Viareggio per girare questo film muto, dalle sfumature tragicomiche.

La trama verte sulla contrapposizione caratteriale che può essere superata grazie all’amore. I protagonisti si troveranno sull‘Isola dei Beati, dove il padrone di casa è Cupido.

Reinhardt chiamò attrici di teatro come Greta Schroeder, Leopoldine Konstantine e Maria Dietrich.

 

Cenere

Febo Mari – 1916

Eleonora Duse scelse questo film tratto da un racconto di Grazia Deledda per la sua unica apparizione cinematografica.

L’attrice scrisse la sceneggiatura nella sua villa di Viareggio e in alcune zone interne della Versilia fece le prove tecniche.

Eleonora Duse interpreta Rosalia, madre che ha compiuto sacrifici estremi per la felicità del figlio.

 

Maciste All’Inferno

Guido Brignone – 1925

La Pineta di Levante diventa set per la secolare lotta tra bene e male.

Plutone, re dell’inferno, manda alcuni diavoli sulla terra per prendere l’anima di Maciste, il gigante buono che protegge i deboli.

Restaurato nel 1999 dalla Cineteca di Bologna, Maciste all’Inferno ebbe un grande successo e nel 1940 ne fu realizzata una versione in sonoro.

 

L’articolo si basa sul contenuto del libro Versilia, Cento Anni di Cinema, a cura della Fondazione Banca del Monte di Lucca.

[Leggi anche: Cinema a Lucca: Il Sonoro (Anni ’30) | Cinema in Pillole]

[Leggi anche: Cinema in Versilia: Un Secolo di Storia]